“And Be My Slave To The Grave”

02Mag10

Nel 2003 esce “Absolution”. L’album consolida la fama dei Muse e dimostra una continuità nella direzione già sperimentata in Origin Of Symmetry, fondendo influenze classiche e suono duro. Il lavoro può essere definito un concept album con precisi riferimenti al tema della fine del mondo. L’interesse di Matthew Bellamy per argomenti come le cospirazioni politiche, la teologia, la scienza, il futurismo e il sovrannaturale traspare in tutto l’album.“The Small Print” originariamente doveva intitolarsi “Action Faust”, come il Faust del dramma di Goethe che vendette l’anima al diavolo per avere una conoscenza assoluta. Infatti ci sono dei chiari riferimenti al diavolo nel testo, come “I’m the priest God never paid” e “And be my slave to the grave”.

Annunci


No Responses Yet to ““And Be My Slave To The Grave””

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: